CAPODANNO CON FIGLI E FAMIGLIA? (REPOST)

sparkler-677774_1280

Non so voi, ma io associo al Capodanno l’aggettivo “giovane” e magari anche “single”, perché nel mio immaginario, di tutte le feste che si susseguono fra dicembre e gennaio, questa è quella più apprezzata da loro.

“Loro” che fino a qualche tempo fa ero anche io e infatti ho dei bei ricordi di Capodanni trascorsi con gli amici a ballare (una delle poche occasioni in cui mi lasciavo andare…), a battere i denti per il freddo grazie ad un abbigliamento poco consono alle temperature invernali e a bere qualche bicchiere di spumante in più, sia per brindare all’anno nuovo, che per scaldarmi un po’ (un cappotto no? Nooo…).

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Babbo Natale esiste? Cosa dire ai bambini secondo l’idea Montessori – REPOST

background-22141_1920

Lo so, sembra di mettere in discussione l’indiscutibile, ma in realtà molti genitori ultimamente si chiedono se sia giusto o meno ingannare (anche se a fin di bene) i propri figli riguardo la figura onnipresente di Babbo Natale […]

Se la Montessori potesse parlare insomma, che direbbe?

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Regali di Natale e Montessori: alcune idee – Repost

child-577010_1920

Natale è dietro l’angolo e in queste settimane che lo precedono siamo tutti, chi più chi meno, alla ricerca dei regali giusti per i nostri familiari e amici e chissà, forse anche voi siete un po’ a corto di idee. Così, per evitare di acquistare all’ultimo minuto un pensierino che magari non ci soddisfa nemmeno del tutto, ho pensato di darvi una mano stilando una lista di regali, giocattoli per bambini montessoriani, per i vostri figli o quelli delle famiglie a voi care. Piaceranno a tutti, sia che in casa si applichino i princìpi del metodo Montessori, che no.  

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Bambini obbedienti e metodo Montessori (Repost)

“Dai, ubbidisci!”, “Ma il tuo ubbidisce?Il mio no, è davvero disobbediente …”. Sono frasi che sono spesso sulla bocca di chi ha a che fare con dei bambini e l’ubbidienza diventa il metro di misura della loro ‘bravura’ (e/o dei suoi genitori). Ma l’ubbidienza così come la intendiamo ha realmente senso?  

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

tin-soldiers-208581_1920

 

Ricorrenza dei morti 2 novembre e Ognissanti 2015 in famiglia (Repost)

Tutto si tinge di arancione. Cappelli da strega e dentiere mostruose fanno capolino sugli scaffali dei negozi. Si portano a casa zucche del tipo non commestibile per il piacere di intagliarle e ricavarne lanterne. Il ‘carnevale’ dei nordici in versione paurosa ha ormai preso il sopravvento da qualche anno sulle tradizioni italiane, nonostante le proteste di chi, a chiamare il 31 ottobre festa di Halloween, proprio non ci sta.

A prescindere dal fatto che, in molte zone d’Italia ad esempio, i rituali di questo periodo erano spesso incredibilmente simili a quelli ora riportati in auge dalle celebrazioni dei paesi anglofoni (in Friuli ad esempio, c’era proprio l’usanza di intagliare le zucche per illuminare la via ai defunti), credo si possa approfittare di questo periodo per riflettere come famiglia sul vero significato di queste ricorrenze e confrontarsi su temi spesso volentieri evitati, come quello della morte e della ciclicità della vita.

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Montessori: applicare il metodo nella vita pratica (Repost)

Ogni tanto anche a me capita di avere del tempo libero. Non parlo di ore, eh, sia mai!

Trattasi di sporadici quarti d’ora durante i quali mi alieno dal mondo immergendomi nella (ri)lettura di qualche appunto, dispensa o libro del corso di formazione Montessori.  Così facendo , oltre a rinfrescarmi la memoria, faccio il pieno di spunti su cui rimuginare per il resto della giornata.

Uno dei testi che preferisco è di Renilde Montessori (nipote di Maria) e parla delle attività di vita pratica nella Casa dei Bambini. Per vita pratica si intendono tutte quelle attività che servono alla cura di sé e dell’ambiente, come lavarsi le mani, abbottonarsi la camicia, lavare i piatti, stendere i panni, preparare la tavola, spolverare, ma anche annaffiare le piante o rastrellare le foglie in giardino. Lavori, insomma, che spesso finiamo per fare noi adulti, vuoi perché siamo di fretta o perché noi le cose le facciamo per bene già al primo colpo. Quello che spesso ci dimentichiamo è che, così facendo, priviamo il bambino della gioia di farle da sé e di imparare.

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Genitori-nonni rapporto complicato: ecco come gestire la situazione (Repost)

Croce per alcuni giovani genitori, delizia per altri. Chi li ha ‘a disposizione’ in genere o ci va molto d’accordo e affida loro senza problemi i figli, oppure  li baratterebbe volentieri con uno zerbino nuovo per l’ingresso.

C’è chi deve fare ‘buon viso a cattivo gioco’ non potendo contare su altri aiuti o chi cerca di inculcargli in testa concessioni, regole e divieti, consapevole in fondo del fatto che tanto i nonni alla fine faranno comunque di testa loro. C’è infine chi non li ha più e li vorrebbe e questa è la sfortuna più grande, perché a tutto (forse…) il resto c’è rimedio. Insomma, sempre un po’ complicato il rapporto genitori-nonni.

Il fatto è che i nonni, ai nostri figli, fanno bene. Lo dice persino uno studio che, analizzando un campione di circa 400 famiglie con bambini e ragazzi dai 10 ai 14 anni, ha notato come quelli in frequente contatto con i nonni fossero più generosi, socievoli ed empatici.

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Rientro a scuola e inserimento: come affrontarlo senza traumi e stress (Repost)

Tornato settembre, torna anche la scuola e se per la maggior parte delle famiglie questo è un déjà-vu, per tante altre è sinonimo di preoccupazione per l’inserimento dei figli al nido o alla materna.

E’ un periodo delicato, questo, per i numerosi cambiamenti che porta con sé e per la ricerca di nuovi equilibri familiari, il tutto farcito da sentimenti contrastanti: curiosità, diffidenza, sensi di colpa, sollievo, nostalgia per citarne solo alcuni.

Il primo distacco è sicuramente il più difficile e questo può causare enorme stress nei genitori che non sanno cosa aspettarsi e come gestire al meglio la transizione. Il mio intento è quello di fornirvi qualche spunto per affrontare con più serenità l’ennesima tappa nella crescita dei vostri figli.

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI

Montessori: metodo per tutti i bambini ma non per tutte le famiglie (Repost)

Ecco la domanda da un milione di dollari, quella che ronza più spesso, ci scommetto, in testa ai genitori che devono decidere se iscrivere o meno i loro bambini in una scuola a metodo o tradizionale: il metodo Montessori va bene per tutti?

Se fosse lecito rispondere ad una domanda con un’altra domanda, quella degli ‘addetti ai lavori’ probabilmente suonerebbe così: “cosa mi sai dire del metodo Montessori?” . Così, giusto per capire da dove iniziare a dipanare la matassa di informazioni spesso errate che circolano al riguardo.

Potete leggere il resto dell’articolo sul mio blog all’interno del portale Chizzocute QUI